Contatti: ndt@lanotadeltraduttore.it




Il mestiere di tradurre. Geografie letterarie in movimento


Vicenza, Cinema Odeon - Sala Lampertico
Corso Palladio

Venerdì 27 aprile
Giuliana Schiavi con Gaia Amaducci e Leopoldo Carra (francese e inglese)

Venerdì 4 maggio
Giuliana Schiavi con Elisabetta Bartuli e Nicoletta Pesaro (arabo e cinese)

Tutti gli incontri alle ore 18.30

Info: Casa Cultura Popolare 0444.546078

Giuliana Schiavi si è laureata all’Università di Padova con una tesi sulla traduzione letteraria e si è poi perfezionata alla Katholieke Universiteit di Lovanio in Belgio dove ha seguito i seminari di Teoria della traduzione diretti da Josè Lambert. È docente di Teoria della traduzione e Traduzione dall’inglese presso la Scuola Superiore Mediatori Linguistici di Vicenza di cui coordina anche il Master di traduzione specialistica dall’inglese e il Master di traduzione editoriale-letteraria dall’arabo. Ha tenuto e tiene lezioni e seminari di traduzione letteraria per il Master in Traduzione letteraria dall’inglese dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e per il British Centre for Literary Translation presso la University of East Anglia. Lavora da anni nel campo della ricerca sulla traduzione in collaborazione con varie istituzioni universitarie italiane ed europee. È inoltre traduttrice dall’inglese; fra gli autori tradotti si citano Henry James, W. D. Howells, Ahdaf Soueif, Michèle Roberts.

Gaia Amaducci, 34 anni, è laureata in Filosofia. Dopo gli studi ha iniziato a lavorare presso la casa editrice SE di Milano e ha collaborato da esterna con altre realtà editoriali milanesi. Dopo aver seguito i corsi della Scuola Europea di Traduzione Letteraria, ha lavorato a Parigi presso le edizioni Grasset&Fasquelle nel settore letteratura straniera, ufficio stampa e diritti esteri, continuando comunque a tradurre e collaborare con case editrici italiane. Da quattro anni ha creato e dirige le edizioni Epoché, dedicate alle letterature del Sud del mondo. Tra gli autori da lei tradotti, si citano Emmanuel Todd, Pierre Klossowski, Didier van Cauwelaert, Hamid Skif, Mohammed Dib e Calixthe Beyala.

Leopoldo Carra (Parma, 1962) vive da anni a Milano, dove ha lavorato a lungo in case editrici (Guanda, il Saggiatore) occupandosi di redazione, diritti e tascabili. E' traduttore dall'inglese, dal francese e dallo spagnolo. Tra gli autori curati o tradotti: Francis Scott Fitzgerald, Dylan Thomas, G.K. Gibran, Jacques Prévert, Antoine de Saint-Exupéry, Jean Giono, Paul Morand. Ha inoltre curato insieme a Daniela Gamba, per Salani, un'antologia di letras de tango (Tango: quella melodia di noi due, 2004). Tiene una rubrica di letteratura francofona su Diario e insegna traduzione presso il Politecnico della Cultura, delle Arti e delle Lingue di Milano. Nel 2006 è uscito da Ponte alle Grazie il suo primo romanzo, L’estate muore.

Nicoletta Pesaro, nata a Venezia il 13 dicembre 1967, professore associato presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, Dipartimento di Studi sull’Asia Orientale, insegna dal 2000 Lingua cinese e Traduzione in italiano dal cinese presso i corsi di laurea triennale in Mediazione Linguistica e Culturale e in Lingue e Culture dell’Asia Orientale, e presso il corso di laurea magistrale in Traduzione Tecnico-Scientifica dell’Università Ca’ Foscari. I suoi ambiti di ricerca riguardano la letteratura della Cina moderna e contemporanea, la traduzione letteraria dal cinese e la teoria della narrativa in Cina. Dal 1997 a oggi ha tradotto dal cinese i seguenti romanzi: Yu Hua, Vivere!, Roma, Donzelli, 1997. (Titolo originale: Huozhe). Con questo romanzo, l’autore ha vinto il premio Grinzane Cavour nel 1998. Yu Hua, L’eco della pioggia, Roma, Donzelli, 1998. (Titolo originale: Zai xiyu zhong huhan). Ge Fei, Il nemico, Vicenza, Neri Pozza, 2001. (Titolo originale: Diren). Ye Zhaoyan, Nanchino1937. Una storia d’amore, Milano, Rizzoli, 2003. (Titolo originale: Yijiusanqinian de aiqing). Ma Jian, Spaghetti cinesi, Milano, Feltrinelli, 2006. (Titolo originale: Lamianzhe). Inoltre ha tradotto alcuni brevi saggi dello scrittore cinese Wang Xiaobo, pubblicati sulla rivista A Oriente (Anno IV, n. 9, 2003, pp. 28-41, numero speciale dedicato alla letteratura cinese): “A proposito di Internet” (Cong Internet shuoqi); “I virus della televisione e del computer” (Dianshi yu diannao bingdu);“Pensare e vergognarsi” (Sixiang he haisao). Recentemente ha avviato con alcuni colleghi traduttori presso il Dipartimento di Studi sull’Asia Orientale un progetto di ricerca interdisciplinare e interlinguistico dal titolo “La traduzione delle lingue orientali: ipotesi di lavoro sui problemi e le strategie traduttive”.

Elisabetta Bartuli si occupa di letteratura araba contemporanea, traduzione letteraria dall'arabo all'italiano e dialogo transculturale, materie che insegna presso il Master M.I.M. dell'Università di Venezia e la Scuola Superiore Mediatori linguistici di Vicenza. Consulente editoriale, ha tradotto numerosi romanzi, tra cui La porta del sole (Einaudi 2004) e Il viaggio del piccolo Gandhi (Jouvence 2001) di Elias Khuri, e curato vari libri, tra cui: L’infelicità araba (Einaudi 2006) e Primavere. Per una Siria democratica e un Libano indipendente (Mesogea 2006) di Samir Kassir.









Aiutati nella ricerca con i campi qui sotto, sarà molto più veloce.
TITOLO

AUTORE

EDITORE

TRADUTTORE