Contatti: ndt@lanotadeltraduttore.it


ROMANZO

Zia Mame
di: Patrick Dennis / editore: Adelphi, 2009
traduttore: Matteo Codignola - Traduzione dall'inglese

 
Indice dell'articolo
pag. 1 Nota del Traduttore - Matteo Codignola
pag. 2 Nota del Redattore - Emanuela Mazzucchelli

 
Nota del Redattore - Emanuela Mazzucchelli

Che cosa si può dire di un libro che è stato recensito, peraltro felicemente, in lungo e in largo? Complimenti a Calasso, perché ha sempre un occhio straordinario, specialmente questa volta che ha ripescato un romanzo uscito nel 1955 e mai più pubblicato nonostante il successo ottenuto già allora.
Da tempo non mi capitava di leggere un libro così divertente. Agli amanti del teatro e del cinema ricorderà un po’ la commedia sofisticata americana, con gli attori molto eleganti ed i loro appartamenti altrettanto raffinati.
La teatralità della “Zia” e la sua eccentricità sono motivo di grande ilarità; il povero nipote che le viene affidato, dopo essere rimasto orfano, scopre che crescere con una zia vulcanica non è molto facile ma davvero divertente. Ogni personaggio, eccentrico o scialbo che sia, viene delineato con pochi aggettivi lapidari che ne marcano perfettamente il carattere. L’andamento ricco di colpi di scena e trovate stravaganti non perde mai di tono. Il linguaggio e lo stile fano percepire subito che si tratta di uno scrittore moderno ma non contemporaneo. È delizioso trovarsi coinvolti nelle feste della protagonista che pullulano degli individui più estrosi. I conoscenti della “Zia” sono i personaggi più moderni e innovatori, tenendo presente che la storia si svolge intorno agli anni ’30.
Ogni avventura si snoda intorno al grande cuore della protagonista che raccatta disparati esempi di umanità: dalla scialba segretaria all’infelice direttore del college.
Tutti subiscono il fascino di questa donna che come un ciclone cambia l’esistenza di ogni persona che capita sulla sua strada.
Il lettore che comincia questo romanzo si trova coinvolto in un turbine di divertimento ed è goloso di scoprire che cosa succederà più avanti, ma nel contempo è dispiaciuto del fatto che il libro prima o poi debba finire e allora si troverà lui stesso orfano.
Speriamo che il bravo editore che ha ripubblicato questa chicca riesca a trovare altre opere di questo geniale quanto strambo scrittore e commediografo che ha scritto molto anche per il teatro americano con i più disparati pseudonimi fra i quali anche Patrick Dennis, infatti il vero nome, ossia Edward Everett Tanner III, non compare mai sulle copertine delle sue pubblicazioni.

Emanuela Mazzucchelli









Aiutati nella ricerca con i campi qui sotto, sarà molto più veloce.
TITOLO

AUTORE

EDITORE

TRADUTTORE