Contatti: ndt@lanotadeltraduttore.it


LIBRERIA

La Libreria Calder Bookshop & Theatre di Londra


Il titolare della libreria Calder Bookshop & Theatre di Londra, sita su The Cut, è un traduttore, Alessandro Gallenzi, vincitore dell'ambito Premio Monselice (2010) per la sua versione di The Rape of the Lock, di Alexander Pope, pubblicato da Adelphi con il titolo Il ratto del ricciolo.
L'attività di Gallenzi va oltre la traduzione, a Londra è titolare di quattro case editrici indipendenti: Hesperus Press, Alma Books, Oneworld Classics, nonché successore di John Calder a capo della Calder Publications a cui fa seguito la storica libreria.


La sua libreria è un punto di riferimento culturale a Londra. Quando è sorta la libreria?
L’attuale libreria è stata aperta nel 2000, quindi da poco più di dieci anni, da John Calder, che ha amministrato in passato, sin dagli anni Cinquanta, non solo l’omonima casa editrice (John Calder Publishers Ltd) ma diverse altre librerie. John ha sempre creduto nella libreria come mezzo per essere in contatto diretto con i lettori e tenere un orecchio sul terreno, per disseminare cultura creando e definendo la propria comunità di lettori. I suoi giovedì letterari – che ancora continuano – sono ormai famosi. Si tratta per lo più di letture di prosa, opere teatrali e poesia, ma a volte si trasformano in incontri in cui si discute di politica o si fanno vere e proprie rappresentazioni drammatiche.

Dov’è situata?
Si trova su The Cut, la stessa strada di due famosi teatri londinesi, l’Old Vic e il Young Vic. Siccome ha un piccolo teatro all’interno, molte persone la chiamano affettuosamente il Baby Vic.

Com’è composta? C’è un settore in particolare che avete scelto di mettere in evidenza?
La libreria si specializza in opere teatrali, classici e poesia, poiché è quello che i lettori che la frequentano si aspettano di trovare.

Qual è lo stile della libreria e perché?
La libreria è stata rimodernata tre anni fa, ma siccome ha un piccolo teatro sul retro è per metà libreria e per metà spazio teatrale. La libreria ha un’atmosfera accogliente e semplice, il teatro, con le pareti a mattoni neri e i sedili che vengono dall’Orange Tree Theatre, ha uno stile – o come direbbero qui un feel – newyorkese.

Com’è cambiata la vostra clientela nel tempo?
La clientela è piuttosto stabile, anche se l’aspetto più incoraggiante è che oltre alla vecchia guardia si affacciano in libreria anche molti giovani, soprattutto dal mondo dell’arte e del teatro.

Organizzate incontri con gli autori?
Sì, molti incontri con autori, specie di poesia, e molti lanci, sia di autori contemporanei della nostra lista sia di classici della letteratura europea.



Può raccontarci com’è cambiata nel tempo l’attenzione e l’interesse da parte del pubblico per gli incontri con gli autori in libreria?

Qui in Inghilterra, in quest’epoca di internet e di globalizzazione, c’è una riscoperta dei festival e delle attività in libreria. La gente sembra voler ritrovare un contatto diretto con gli autori e perciò attende in buon numero gli incontri con gli autori, specie se questi sono conosciuti.

E oggi quali sono gli scrittori italiani che suscitano maggiore interesse a Londra?
Al momento gli unici autori conosciuti, a parte Umberto Eco, sono Niccolò Ammaniti, Andrea Camilleri, Valerio Massimo Manfredi e alcuni giovani autori del genere noir o poliziesco. Per quanto riguarda i classici moderni, i più conosciuti sono senz’altro Calvino e Lampedusa, di cui abbiamo di recente pubblicato con successo le lettere.

Oltre alle novità, quali criteri seguite nel proporre i vostri suggerimenti di lettura alla clientela?
La nostra, più che essere una libreria di novità è una libreria di classici e di libri altamente letterari. La libreria è associata al nome di John Calder e quindi di Beckett (pubblicato da John, di cui era grande amico), e molte persone la frequentano per ascoltare gli aneddoti direttamente dal vecchio editore, imparare qualcosa o essere ispirati.

Dori Agrosì









Aiutati nella ricerca con i campi qui sotto, sarà molto più veloce.
TITOLO

AUTORE

EDITORE

TRADUTTORE