Contatti: ndt@lanotadeltraduttore.it


SAGGIO

Il grande viaggio in slitta
di: Knud Rasmussen / editore: Quodlibet, 2011
traduttore: Bruno Berni - Traduzione dal danese

 
Indice dell'articolo
pag. 1 Nota del Traduttore - Bruno Berni
pag. 2 Nota del Redattore - Davide Rubini

 
Nota del Traduttore - Bruno Berni

Occuparsi di un libro come Il grande viaggio in slitta di Knud Rasmussen, in un’epoca in cui molta produzione di libri danesi in Italia è concentrata sul thriller, è sicuramente una sfida stimolante per un traduttore. Dopo un passato in cui dalla pubblicazione originale alla traduzione italiana – peraltro spesso di seconda mano, ovvero da lingua terza – trascorrevano anni, a volte decenni, oggi invece è in corso una grande ondata danese che cattura l’assoluta novità del mercato.
Grazie ai thriller è una tendenza del tutto positiva, se non fosse che ogni tanto è bene tornare a una lenta importazione traducendo cose uscite dieci, cinquanta, cento anni fa, perché nel tempo qualcosa è andato inevitabilmente perduto. Classici pochi, oggi, niente che possa avvicinare il lettore italiano alla tradizione di una cultura in apparenza nota, ma di fatto lontana. Knud Rasmussen appartiene a un mondo ancora più lontano, oltre le conoscenze del lettore comune italiano, perché non era solo danese, ma legato all’area geografico-culturale groenlandese, ignota ai più e solo intuita nelle sue implicazioni sociali in un thriller – ancora una volta, servono anche a questo – come Il senso di Smilla per la neve. Nato in Groenlandia da famiglia danese con un po’ di sangue locale, Rasmussen dedicò la vita a esplorare quella terra a scopi scientifici, in condizioni che forse nessun altro occidentale avrebbe potuto affrontare, e Il grande viaggio in slitta è la versione ridotta – per il grande pubblico – della voluminosa relazione della V Spedizione Thule (1921-24) che lo portò dalla Groenlandia all’estrema Alaska, a toccare un numero altissimo di tribù inuit. Dalla relazione scientifica questo volume, da decenni una lettura classica per i danesi, viene elaborato a diventare il racconto di una vera avventura fra i ghiacci e le acque del grande nord americano.
Knud Rasmussen non è uno scrittore, e questo il traduttore – e forse ancora il lettore italiano – lo percepisce nella sua prosa non sempre lineare, spesso frutto, probabilmente, di un faticoso passaggio dalla lingua degli inuit – in cui le idee vengono vissute e formulate – al danese in cui vengono espresse, talvolta in modo inadeguato per le insufficienze del lessico di arrivo, incapace di riprodurre termini anche semplici e quotidiani come le forme del ghiaccio o la tecnica della caccia alla foca. Dal danese all’italiano il passo è più lungo e ha impegnato il traduttore con ricerche sulla terminologia relativa alla caccia – foca o renna – o alla costruzione delle slitte o degli igloo, e con la lettura di testi di antropologia sugli eschimesi scritti negli ultimi decenni, testi che spesso si basano sull’opera di Rasmussen e in vari modi si riferiscono alla sua mitica narrazione.
La prosa non è sempre lineare, ma il libro è sostenuto da un entusiasmo comunicativo senza eguali e il lettore non può non percepire, forse ancora nella lingua italiana, il calore dell’atmosfera serale nell’igloo dove i vecchi narrano leggende antiche, o l’immobile tensione del cacciatore in agguato, e il passaggio dalle esplorazioni basate sull’abilità fisica a quelle basate sulla tecnologia, dall’isolamento delle popolazioni artiche all’estensione del commercio, che avrebbe creato la dipendenza dalle merci e di conseguenza dal contatto con i commercianti. Molte cose sono cambiate da allora, ma Il grande viaggio in slitta rimane una lettura fondamentale per comprendere le popolazioni artiche in un’epoca ormai da tempo scomparsa.

Bruno Berni











Aiutati nella ricerca con i campi qui sotto, sarà molto più veloce.
TITOLO

AUTORE

EDITORE

TRADUTTORE