Contatti: ndt@lanotadeltraduttore.it


POESIA

23-10-2015
A volte velo e a volte specchio. Liriche persiane (secc. IX-XIX)
di: AA. VV. / editore: San Marco dei Giustiniani, 2014
traduttore: Carla De Bellis e Iman Mansub Basiri - Traduzione dal persiano
Tradurre la lirica persiana è impresa rischiosa: che può affrontarsi solo a condizione di un cimento amoroso, sfidando per amore un discorso d’amore lungo l’erto cammino che esso percorre. La poesia persiana è in genere considerata, più di...








17-03-2015
Una trilogia palestinese
di: Mahmud Darwish / editore: Feltrinelli
traduttore: Elisabetta Bartuli e Ramona Ciucani - Traduzione dall'arabo
Uno degli aspetti più impegnativi e appassionanti è stato lavorare sull’intertestualità. Nelle duecentotrenta pagine da me tradotte ricorrono più di centotrenta elementi intertestuali per la maggior parte citazioni, parafrasi, parodie e allusioni. Il progetto editoriale di Una trilogia palestinese, concepito dalla traduttrice Elisabetta Bartuli, offre la duplice possibilità di ritrovare in italiano la voce dell’autore palestinese, scomparsa dalle librerie... (continua)







11-11-2014
Argèman - Intervista a Fabio Pusterla e alla traduttrice Jacqueline Aerne
di: Fabio Pusterla / editore: Marcos y Marcos
Argèman, certo tutti penseranno a un supereroe, oppure a parole celtiche, o gallesi, invece no, è una parola dialettale, di un piccolo dialetto di montagna e si riferisce a quelle lingue di neve che non spariscono mai dalle montagne neppure d’estate, scendono da piccole crepe. Questa parola vuol dire sia la «neve» sia la «frana»...







14-06-2012
Una piccola tabaccheria. Quaderno di traduzioni
di: Franco Buffoni / editore: Marcos y Marcos, 2012
traduttore: Franco Buffoni
Un poeta è – insieme – un costruttore e  un divoratore di linguaggi, operazioni che tuttavia non può compiere senza avvalersi di un metodo. Il mio – con specifico riferimento al tradurre - principalmente si rifà alla distinzione poundiana tra melopea, logopea e fanopea.
In ogni testo che capisco di voler “tradurre” cerco di individuare l’elemento prevalente, quello irrinunciabile: può  consistere nell’intarsio ritmico-melodico, o nel pensiero nitidamente formulato, oppure nell’illuminazione, nell’epifania: quel guizzo, che da solo costituisce il senso profondo del testo... [...]





23-01-2012
La cenere delle parole
di: Jean Portante / editore: Empiria, 2011
traduttore: Maria Luisa Caldognetto - Traduzione dal francese
(...) la sfida è anche dare conto di quella che l’Autore definisce étrange langue, quella dimensione particolare del suo vissuto in cui è la lingua della traduzione a rimandare alla lingua delle origini e paradossalmente a risuonare come lingua materna. Dall’altro, la consapevolezza di un atto dovuto... (segue)

Leggi anche La cenere delle parole nella N.d.R. - Nota del Redattore di Luigi Casale: "La cenere è ciò che resta di qualcosa che brucia. Ma la cenere in senso lato (e metaforico) è ciò che resta di ogni cosa che vive..." (segue)





26-11-2011
Grazie, Nebbia
di: Wystan H. Auden / editore: Adelphi, 2011
traduttore: Alessandro Gallenzi - Traduzione dall'inglese

Tradurre poesia – specie se si ha a che fare con poeti della grandezza di Auden – è sempre una sfida persa in partenza, ma se non si parte sottomessi e si tenta invece di rivaleggiare, se si risponde all’originalità con l’inventività e non ci si lascia schiacciare dall’inadeguatezza della traduzione, il risultato finale non potrà che riverberare una chiara eco del genio che l’ha generata... (segue)

Leggi anche, Grazie, Nebbia, nella recensione di Alberto Nessi: Poesia discorsiva, argomentativa, epica, civile, quella di W.H.Auden: la deplorazione della tecnologia, delle mostruosità metalliche che sono fonte di  pena e sventura della Società/ primo affanno del Vivere Comune (Una maledizione, che fa pensare al Parini); la lode della tradizione, dei maestri: senza di Voi, dice Auden, …non avrei mai composto/ nemmeno il più scadente dei miei versi... (segue)





16-01-2009
Lettera amorosa
di: René Char / editore: Archinto, 2008
traduttore: Anna Ruchat - Traduzione dal francese
Il libro si presenta come un doppio incontro nel contesto del movimento surrealista: un poeta René Char e due artisti che in tempi diversi illustrano momenti diversi di uno stesso testo che si chiama dapprima Ghirlanda terrestre e poi Lettera amorosa. Jean Arp nel 1952 coglie il poema in fase di abbozzo manoscritto, George Braque nel 1963 nella versione definitiva a stampa... (segue)

Leggi anche: "Lettera amorosa", LA NOTA DELLA REDAZIONE - Articolo di Ana Ciurans







26-07-2007
Eroi, amici e amanti
di: Costantino Kavafis / editore: Baldini Castoldi Dalai, 2007
traduttore: Tiziana Cavasino - Traduzione dal greco
Ho scelto di tradurre Kavafis in versi liberi e senza rispettare gli eventuali, e peraltro sporadici, schemi di rime: scelta questa che coincide con lo stile maturo del poeta che, dopo una prima fase in cui scriveva poesie più tradizionali caratterizzate da uno schema...


27-07-2005
L'isola della Tartaruga
di: Gary Snyder / editore: Nuovi Equilibri, 2004
traduttore: Chiara D'Ottavi - Traduzione dall'inglese
Una poesia che diviene lo strumento e il fulcro di una visione che trascende l'ambito letterario per entrare pienamente, oltre che nell'ecologia, nel sociale, nel politico...

09-06-2005
Morte e vita severina
di: João Cabral de Melo Neto / editore: Robin, 2005
traduttore: Cristiana Bambini, Delia Occelli, Laura Rocchi, Riccardo Greco - Traduzione dal portoghese
La figura di Severino rimanda alla tipologia del cantastorie, invitandoci in un registro all'apparenza fuori dal tempo...









Aiutati nella ricerca con i campi qui sotto, sarà molto più veloce.
TITOLO

AUTORE

EDITORE

TRADUTTORE